giovedì 4 ottobre 2007

A SAN MARINO SI INSEDIA UN CAPO DI STATO IN CARROZZINA

Si chiama Mirko Tomassoni, 38 anni, immobilizzato su una sedia a rotelle dal 98.
Dal 1° ottobre e' diventato Capitano Reggente, la massima carica politica della Repubblica di San Marino.
La sua salita al colle ha tutte le caratteristiche per essere considerata emblematica e per i disabili sara' considerato un esempio. Il vero problema per i disabili non e' tanto la condizione soggettiva, in cui vivono, ma la realta' che li circonda.
Lo svantaggio non e' dato dalle barriere architettoniche, ma da quelle culturali. La battaglia piu' impegnativa e' affrontare la societa', stare a testa alta tra la gente che li circonda, che continua a guardarli con circospezione, solo perche' diversi.
E da sottolineare che Tomassoni lottera' anche e soprattutto perche' le barriere architettoniche vengano modificate e andare incontro alle necessita' di chi e' costretto su una sedia a rotelle.



Sinceramente me lo auguro, perche' i disabili in carrozzella non solo, sono stati provati profondamente nel corpo e nella psiche, ma a causa di barriere da abolire sono costretti a muoversi meno possibile.

6 commenti:

Giorgia ha detto...

Ognuno di noi dovrebbe aiutare i disabili nella loro battaglia contro le barriere architettoniche, a rendergli la vita un pò più facile ma purtroppo il menefreghismo sotto certi aspetti sociali dilaga. Speriamo che in qualche modo le cose possano cambiare.

finardi ha detto...

come scrissi altrove,ci si accorge delle barriere architettoniche solo quando due uomini devono alzare una carrozzina per tre scalini.

Se la questione non ci riguarda da vicino molti non riescono a vederla.

Anonimo ha detto...

Ciao Giovanna! Sono Anna L. di: http://www.vivendolestelle.splinder.com/ volevo ringraziarti per il commento che hai lasciato nel mio blog un sorriso

Demonio Pellegrino ha detto...

quoto sia giorgia sia finardi. Aggiungo che l'eliminazione delle barriere da sola non basta. Tu puoi togliere gli scalini e farci una rampa per aiutare le persone in carrozzella. Ma se un menefreghista animale e laido ti ci parcheggia di fronte, allora e' tutto inutile.

Eliminare le barriere architettoniche forse e' possibile. Eliminare l'incivilta' italica no.

chit ha detto...

Quanta strada c'è ancora da fare invece in Italia... :-(

Diego D'andrea ha detto...

Sì è vero, da noi c'è grande arretratezza in materia. Banalmente, chi è abituato a viaggiare, avrà notato come oltre confine un semplice accorgimento, i semafori pedonali sonori, riescano ad essere di grande aiuto ai non vedenti!
Comunque, le cose sembrano iniziare a muoversi anche da noi, l'importante è vigilare che le cose non vengano semplicemente realizzate, ma che risultino effettivamente fruibili!
Ciao D