mercoledì 14 novembre 2007

FERROVIE DI STATO RIDOTTI I CONTROLLI DI SICUREZZA

La mancanza di sicurezza coinvolge un po' tanti fattori, ma dove sta aumentendo e' presso le stazioni ferroviarie. Le Ferrovie di Stato hanno completamente tagliato la sorveglianza affidata ai privati. Il pericolo su molte linee e' sempre in agguato, soprattutto sulle linee pendolari , sulle quali le fermate si susseguono ed i delinquenti possono piu' facilmente colpire, nascondendosi tra la folla per poi scendere alla prossima fermata.

Un tempo gli assalti ai treni venivano condotti a cavallo, oggi si usano i pitbull...
Non e' la prima volta che i ferrovieri sono stati aggrediti e morsi, e nonostante abbiano sporto regolare denuncia, lo sanno tutti ormai che gli autori delle aggressioni 9 volte su 10 la fanno franca.
Nel mirino anche i controllori, da quando sono incaricati di comminare multe a chi non ha il biglietto.

Lo stato della sicurezza ferroviariae' peggiorato in concomitanza con l'arrivo alla guida del gruppo Fs del nuovo amministratore Mauro Moretti, voluto dal centrosinistra.
Moretti alle prese con un bilancio catastrofico a tagliato a destra e manca, spesso quasi alla cieca, eliminando voci essenziali per la tranquillita' dei clienti, come appunto, la sorveglianza.
Ha cancellato dall'oggi al domani contratti con 5 istituti privati.
Da quel momento tutto il peso e le responsabilita' e' caduto sulla polizia ferroviaria che, evidentemente, da sola non ce la fa'.
Durante la notte poi, il numero di controlli si riduce, proprio quando la delinquenza si scatena e i viaggiatori altro non possono fare che affidarsi alla sorte.

4 commenti:

Demonio Pellegrino ha detto...

Le ferrovie dello stato devo morire. Danno un servizio penoso, da vero terzo mondo. Provo un ribrezzo fisico allucinante ogni volta che prendo un treno. Lo stato dei treni a lunga percorrenza che dal sud vanno verso il nord e viceversa è un'offesa alla decenza. Sedili che puzzano, immigrati clandestini che si nascondono sotto i sedili e sbucano fuori nel bel mezzo della notte, ladri che tentano di rubarti il portafoglio dicendoti che sono poliziotti e che vogliono sincerarsi che un ladro non ci abbia rubato i documenti. Fantascienza? no. tutte esperienze di vita vissuta. La mia. E il tutto risale a 18 mesi fa.

Devono morire.

ArabaFenice ha detto...

io non riesco davvero a capire come sia possibile che con quello che costano i biglietti e con il numero di viaggiatori che quotidianamente si spostano sui treni pur non gradendo il servizio, le Ferrovie siano sempre senza soldi! questo nonostante i tagli del personale e il disuso di varie stazioni prima funzionanti e dotate di personale (come nel mio paese). i conti non tornano. La matematica non è un'opinione. Poi tagliare sulla sicurezza, proprio in un momento in cui si chiede più sicurezza, è tutto dire...
Per quanto concerne il commento precedente, anche io ne ho fatti di viaggi allucinanti quando avevo il ragazzo a MIlano e facevo spesso viaggi a lunga percorrenza.
Una volta, un viaggio di notte, mi ritrovai a condividere il compartimento con 5 albanesi puzzolenti (perché puzzavano davvero), senza scarpe, del tutto ubriachi, che litigavano fra loro. Mi feci tutto il viaggio con gli occhi sbarrati...

daniele Verzetti, Rockpoeta ha detto...

Le FS crollano, L'Alitalia non vola.... e poi ci dicono di non prendere l'automobile (!)....

Romano ha detto...

Hai fatto benissimo a notiziarci su questo. Incredibile!