sabato 5 gennaio 2008

DE MAGISTRIS E' RINATO

L'inchiesta calabrese Why not, sulle presunti frodi euromilionarie ai danni dell'Unione Europea, in cui e' indagato pure il presidente del Consiglio Romano Prodi (l'accusa e' abuso d'ufficio), procede come un mulo sull'Aspromonte.


Dopo De Magistris a prendere le redini del gioco ci sono oggi 2 combattenti che non hanno alcuna voglia di arrendersi, e sono: Pierpaolo Bruni e Caterina Merante, rispettivamente 38 e 39 anni.
Merante, testimone chiave della vecchia indagine, non ha rinunciato a proseguire la sua collaborazione con la procura, e per questo ha confermato integralmente i due verbali resi a De Magistris.


La rotta dell'inchiesta e' sempre la stessa, al centro restano i rapporti inquinati tra politica e affari, con un solo nuovo capitolo: i legami con la n'drangheta, confermati da una recente inchiesta cosentina...


A questo punto non sono tutte vere le accuse rivolte al pm De Magistris, perche' l'inchiesta non e' uscita dai riflettori, ad indagare adesso non e' piu' un solo magistrato, ma un intero pool e tre procure, e seguono tutti la stessa pista iniziata da De Magistris

18 commenti:

Alberto ha detto...

PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO...
:-D

Il tempo sarà galantuomo a riguardo. ;-)

Un abbraccio giudiziario :-)

Anonimo ha detto...

speriamo:))))
stefano www.comunicazionepolitica.splinder.com
ps buon week end

Lele ha detto...

Che bella notizia,non lo sapevo.....!Restiamo a vedere con ottimismo........!
Ciao e buona giornata.....!

°bio° ha detto...

e questa è un'ottima notizia.. anche se per la stragrande maggioranza di persone una notizia se non figura nei titoli di testa dei tg non esiste...

mario ha detto...

ahhhhh che bella notizia!!!!
tutto ad un tratto l'italia non mi sembra più la corea del nord!!!!
ma cazzo la tv ne ha parlato?
i giornali?
non siamo la corea del nord ma la colombia sì
un bacio giovanna ti adoro...ciao ciao

Franca ha detto...

Bene, bene. Si vada avanti...

Suysan ha detto...

Buono a sapersi.......sono sincera io non lo sapevo
speriamo che non si affossa tutto!!!!

lealidellafarfalla ha detto...

bene, fare luce su situazioni non chiare è dei paesi democratici.
Un salutissimo, fabrizio.

Gianfranco Guccia ha detto...

Verosimilmente esistono ancora dei "paletti" che i "prestidigitatori della (in)giustizia" non riescono a travalicare! Quando un procedimento viene incardinato sulla base di semplici indizi può essere relativamente facile "rimescolare le carte" e capovolgere le sorti del processo.
Diversa è la situazione quando ci si trova di fronte ad un castello accusatorio basato su prove solide ed incontrovertibili, per usare una "metafora automobilistica": se il motore di una vettura è ormai fuso non serve a nulla rivolgersi ad un meccanico diverso per rimetterla in sesto"! Chi viene dopo De Magistris altro non può fare che prendere cognizione di ciò che esiste e non può essere occultato, e proseguire, quindi, nell'azione penale che almeno fino ad oggi rappresenta un adempimento obbligatorio per qualsiasi P.M. a cui viene affidata la titolarità di una determinata indagine.
Lentamente ma inesorabilmente la vicenda arriverà al suo termine.
Mi piace credere e convincermi che Democrazia e Giustizia sono parole che conservano, anche nel nostro paese, un minimo del loro originario significato.
Un caro saluto....Gianni.

Giovanna Alborino ha detto...

@gianfranco:ciao gianni, che piacere avere tue notizie...come va? il natale?
un abbraccio
gio

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Io non ho mai dubitato che l'inchiesta fosse giusta....

eccio ha detto...

in italia siamo abituati ad aspettare tanto per i processi, temo anche qui servirà cedere parecchio spazio al tempo. E in ogni caso come già detto, si vada avanti ;)

Gianluca ha detto...

il magistrato accusato dagli imputati di protagonismo ed eccessi è un classico..vedremo come andrà a finire la storia..intanto continua nell'indifferenza della stampa ed a volte non è detto che sia un male.

Cris ha detto...

ciao gio.io non ho mai avuto dubbi su de magistris.speriamo solo si faccia giustizia presto.grazie per avermi aiutato sul mio blog!!!le parole volgari non le accetto.

Simona ha detto...

Bene. Un buon modo per iniziare l'anno nuovo.

Pino Amoruso ha detto...

Buongiorno!!!Inchiesta scomoda a maggioranza ed opposizione. Entrambi gli schieramenti hanno permesso a Mastella di fare quello che sappiamo tutti...Solitamente siamo abituati a veder chiedere le dimissioni di un ministro per molto meno; in questo caso silenzio dell'opposizione, dei media che ne hanno parlato un pò grazie a Santoro...poi basta. Intanto la Merante va avanti nonostante le pressioni e le minacce dei politici e no. L'unico a schierarsi a favore di De Magistris e della Forleo, attaccando Mastella è stato Di Pietro (non c'azzecca niente con questa politica e soprattutto con questi politici). Intanto a giorni la sentenza sul trasferimento di De Magistris...Vedremo!!!
Un Abbraccio :-)

Giovanna Alborino ha detto...

@cris:come hai visto ritenevo giusto essere dalla tua parte...la commentatrice ha usato modi poco corretti e non ho trovato giusto far alzare un polverone per cosi poco..
secondo me la signorina sara' un isterica anche nel suo privato..

ArabaFenice ha detto...

ma si riuscirà ad appurare le responsabilità degli non-indagabili? si riuscirà a punire gli impunibili? perché qualcosa mi fa pensare che finirà tutto a tarallucci e vino nonostante uomini come De Magistris e soci?