sabato 20 ottobre 2007

IL PAESE DELLE INTRANSIGENZE PERMISSIVE

Con la legge n.160 del 2 ottobre scorso il Parlamento ha approvato alcune modifiche del Codice della strada.

Le principali novita': tre nuove fasce per la guida in stato di ebrezza con sanzioni piu' severe ; una nuova fascia per la velocita' che va da 40 a 60 chilometri l'ora oltre il limite ; divieto di vendere alcolici dopo le 2 di notte nei locali di intrattenimento.

E ancora: divieto di guidare veicoli ad alte prestazioni da parte dei neopatentati nel primo anno successivo al conseguimento della patente ; una sanzione per auto in sosta o fermate con aria condizionata accesa ; e sanzioni piu' severeper l'utilizzo del telefonino al volante, con sospensione della patente per due anni.
Tuttavia nonostante il provvedimento sia lodevole, ci sono in merito contraddizioni che lasciano ai furbetti via di fuga.


Ecco alcune contraddizioni:


  • La legge 160 conferma la possibilita' di rifiutare l'esame con l'etilometro

  • Riduzione da tre anni ad un anno del divieto di guida ai neopatentati per le macchine che superano i 50 Cv.

  • Prevista la sospensione solo notturna della patente dopo i primi tre mesi di sospensione totale per gli eccessi di velocita'.

  • Divieto di vendere alcolici dopo le 2 di notte nei locali di intrattenimento.

Non era piu' efficace il divieto per tutti i locali? Cosi almeno si sarebbe evitata la migrazione dei giovani dalle discoteche ai semplici bar, dove potranno continuare a bere. Per poi correre e morire.Forse i politici hanno paura di essere troppo severi verso i giovani, tanto da perdere consenso elettorale ?

Ecco cos'e' il Codice della strada, un'altra presa per il c*** !

3 commenti:

Il Finz ha detto...

Rifiutare l'etilometro e, aggiungo, pagare in cambio una sostanziosa multa. In pratica se sei ricco basta pagare e nessuno saprà mai che guidi bevuto fino all'orlo. Almeno fino a quando non ammazzi qualcuno. Che Schifo.

Demonio Pellegrino ha detto...

ha ragione il finz.

Notevole la foto di adorno a questo commento...

Giovanna Alborino ha detto...

@demo: giusto per te!