lunedì 10 dicembre 2007

VIOLAZIONE DEI COMPUTER ALTRUI

I tempi in cui a sviluppare virus e imbrattare siti sono finiti, erano solo smanettoni in cerca di popolarita'.
Oggi su internet si puo' comprare il Kit completo del pirata informatico: virus, spyware e istruzioni per violare i computer altrui.
Un mercato florido e con prezzi da discount.


L'allarme unisce esperti di sicurezza informatica e forze dell'ordine: il cybercrimine e' un affare miliardario, nel quale schiere di provetti informatici agiscono con manovolanza al soldo di affaristi senza scrupoli..
Secono dati, il mercato mondiale del crimine informatico vale 105 miliardi di dollari, piu' del commercio illegale di droga.
Trovare le pagine dove questi strumenti sono in vendita non e' difficile, basta fare una ricerca con il proprio browser per trovare i forum dove si affittano determinati servizi o si vendono virus.


Supponiamo che un aspirante informatico voglia fare il proprio ingresso nel business rubando un po' di account per l'accesso a conti correnti online: con 342 euro, puo' comprare un "trojan", un virus silente che sfrutta comuni vulnerabilita' dei computer o dei software per installarsi nella macchina e prendere nota dei dati sensibili inseriti dall'utente.
con altri 68 euro di investimento, si possono acquistare un milione di indirizzi email validi ai quali inviare il virus appena comprato.
Se poi il ladro informatico teme che la sua polpetta avvelenata possa essere intercettata dagli antivirus, allora con altri 14 euro, si trova in vendita un software in grado di mascherare i file eseguibili facendoli apparire del tutto sicuri.

Per finire, visto che inviare un milione di email non e' operazione che possa essere fatta in sicurezza dal pc di casa , con altri 342 euro, si puo' affittare un server dedicato allo spamming.
Diffidate sempre da annunci di lavoro online, che chiedono numero di carta di credito, per facile lavoro e caparra, una volta in possesso dei vostri dati, i conti vengono girati verso banche estere.
Nel commercio del cybercrimine e' fondamentale la velocita': il codice di una carta si puo' bruciare in poche ore, se il proprietario si accorge del furto e la blocca.

Nel 2007 sono state rilevate oltre 8000 carte di credito messe in vendita a un prezzo tra i 5 centesimi e i 5 dollari l'una.
Per la sicurezza informatica bisognerebbe agire come per la sicurezza sul lavoro: se un operaio si fa' male e' responsabile il datore di lavoro, ma se qualcuno entra nei computer mal protetti di una Asl e ruba tutti i dati, non si sa con chi prendersela.

13 commenti:

digito ergo sum ha detto...

Come non si sa con chi prendersela??? Col computer, no?

Giovanna Alborino ha detto...

si, e che fai lo rompi?

enzorasi ha detto...

Ricordo una vecchia canzone di Giorgio Gaber che parlava della ribellione degli oggetti, della loro ascesa al potere e della loro capacità di influenzare la nostra vita. Mi pare si chiamasse Candy, dal nome di una famosa lavatrice. Insomma stiamo cercando di cavalcare la tigre informatica...ma potremmo anche finire sbranati!
Buona settimama anche a te Giò

mario ha detto...

IL mac solo il mac può salvarci.........
solo che cazzo costa tanto..
un bacio Giovanna...mi dispiace x le brutte disavventure sui pulmann......ciao

Paolo ha detto...

Di questi tempi mi auguro che sulla sicurezza informatica si investi di più e meglio che la sicurezza sul lavoro...

Franca ha detto...

Pericoli dell'era moderna...

Chiara ha detto...

Ciao Giovanna.
Perchè non riesco ad accedere nell'altro tuo blog?
Buon inizio settimana anche a te.

ArabaFenice ha detto...

La rete è una jungla che necessita di ulteriori regole e misure. Questa esigenza è sottovalutata.

Fabioletterario ha detto...

Non bastavano i ladri veri, ci mancavano anche quelli virtuali!

Sergio ha detto...

Cara Giovanna, innanzi tutto grazie per il gentile commento che hai lasciato da me e... complimenti per il tuo albero di natale. E' davvero bello. Io ne faccio uno piccolissimo per mancanza di spazio e approfitto di quello, ricchissimo, che fa mia nuora dalla quale passeremo il giorno di Natale. Molto interessante il tuo post sugli Hacker. E' una piaga dalla quale non ci libereremo mai anche se ho sempre avuto il sommesso sospetto che anche i produttori di antivirus non siano proprio... degli innocentini :-)).
Un caro saluto e tanti tanti auguri.

Anonimo ha detto...

ci sono problemi con i commenti su blogspot

fanno arrabbiare questi delinquenti informatici;se scarichi una canzone rischi la galera e quasti qua agiscono indisturbati e senza leggi severe;gli fanno anche i kit!noi siamo molto prudenti con le carte d credito e cio' che potrebbe portare a un furto.meglio esserlo tutti e fidarsi di meno

un abbraccio da Lorenzo Anne Veronica
http://giramundo.splinder.com

e' stato un piacere presentare i nostri nuovi amici
:)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Post interessantissimo, un tema poco trattato nei blog. Brava!

Aggiungo due cose solo: 5 centesimi.... veramente una "monnezza" quella carta di credito LOL!

E la seconda: Yes I'm a Macuser :-)))

Ciao Giovanna :-)))
Daniele

Demonio Pellegrino ha detto...

Ciao giovanna, oggi sembra quasi che siamo coordinati nella nostra critica alla societa' dell'informazione...