martedì 5 febbraio 2008

PRETE PEDOFILO SI SUICIDA

Un' altro caso di prete pedofilo....


http://www.polare.com/news/click/-1,3908352/

20 commenti:

edgar ha detto...

Di queste tragiche vicende, sarebbe interessante e istruttivo, analizzare tutti i risvolti.
L'atto di un prete che si suicida è pari all'atto di pedofilia. Ha commesso quell'uomo due volte lo stesso errore... lo stesso peccato di Disubbidienza a Dio.

loreanne ha detto...

ha vinto il rimorso;io il mio fratellone e Anne non essendo credenti non vediamo un peccato di disubbidienza a dio con il suicidio ma vediamo la doppia tragedia della violenza e della morte

desaparecida ha detto...

Sono d'accordo con loreanne,è 1 aggiungere tragedia su tragedia...una vita quasi distrutta e l'altra che nn esiste più.

Mamma mia che amarezza che ho dentro!

edgar ha detto...

Per chiarezza, essere disubbidienti a Dio non vuol dire fare i capricci... ma vuol significare: "vita distrutta", "tragedia", "annientamento", "desolazione".
Ciao.

Pino Amoruso ha detto...

Da quello che ho letto il prete era accusato di pedofilia...Non è stato processato perchè il reato era prescritto ed era oggetto di forti pressioni mediatiche. Non sapremo mai la verità!!!Se è vera l'accusa penso alla vita distrutta di chi ha subito violenza...

Fabioletterario ha detto...

E avrà l'assoluzione e il funerale cattolico...

Fabioletterario ha detto...

E avrà l'assoluzione e il funerale cattolico...

Mimmo ha detto...

...diventiamo sempre più estremisti. Ma mai che si cerchi una soluzione equilibrata e concreta.

LA caccia al pedofilo può avere gravi conseguenze...così come non serve a niente volere la testa del prossimo preste di turno. Ma ai bambini violati...chi ci pensa????

Cris ha detto...

giustizia è stata fatta!!!ciao gio!!!un bacio

MARGY ha detto...

sembrerò spietata ma, che fosse prete o no, per il sol fatto che fosse un pedofilo, suicidandosi ha fatto una cosa giusta!(anche perchè è la fine che devono fare tutti quei malati lì)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Sarebbe stato giusto che fosse stato condannato e che fosse a scontare la pena. Così ha vinto il suo rimorso e si è soddisfatto il nostro odio. E nient'altro.

Irene ha detto...

Quando si parla di pedofilia, penso a chi ha subito l'abuso... porterà una ferita che mai verrà rimarginata. Non mi permetterei mai di dare giudizi su un suicida!

ArabaFenice ha detto...

Condivido il commento di Daniele. di fronte a un reato così schifoso come la pedofilia è ovvio che ci irrigidiamo ma bisognerebbe prima di tutto appurare la verità.
oggi, i genitori stanno giustamente sul chi va là e questo può portare anche a degli equivoci.
proprio qualche giorno fa seguivo in tv la causa di un uomo accusato pubblicamente da una donna di essere un pedofilo mentre il poverino si era limitato ad aiutare la figlia di questa donna che era caduta per terra e si era sbucciata un ginocchio.
oggi, se vedessi un bambino sotto una pioggia scrosciante, avrei paura ad offrirgli un passaggio.
la pedofilia, ma questo vale la violenza in generale, aggiunge al danno subito dalle vittime anche il danno sociale della reciproca diffidenza.

chit ha detto...

Vedrai che tra qualche giorno si scopre solo che aveva avuto una "crisi vocazionale" ed il Signore l'ha chiamato a se per un consulto.
L'ho già visto questo film...

L ha detto...

Si dice che la mancanza della certezza della pena fomenta la delinquenza. Questi non solo la fanno sempre franca, ma se ne battono pure il belino della Giustizia Divina (e dovrebbero crederci).

Ciao,
L.

Simona ha detto...

Non ce l'avrà fatta a vivere con quel peso...un peso insopportabile sicuramente.

Franca ha detto...

Sarebbe stato meglio sapere la verità con un processo, ma se si è ucciso per rimorso che bruci pure all'infermo dato che ci credeva.
La sua vittima l'inferno lo ha già vissuto in questa terra.
Mi dispiace, ma di fronte alla pedofilia non riesco a prendere posizione ponderate...

Alberto ha detto...

I preti pedofili sono comunque una goccia nell'oceano di preti che ogni giorno si prodigano per sanare le miserie del mondo.

Il suicidio è la prova manifesta del suo conflitto interiore, abbiamone pietà.

Un abbraccio ecumenico :-)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny

Anonimo ha detto...

good start